Paddy, l’orsetto di “unturistaalucca”, ci racconta le sue avventure in città

Home / Storie / Paddy, l’orsetto di “unturistaalucca”, ci racconta le sue avventure in città
Paddy, l’orsetto di “unturistaalucca”, ci racconta le sue avventure in città

Paddy, l’orsetto di “unturistaalucca”, ci racconta le sue avventure in città

Da qualche mese è diventata una delle star di Instagram e uno dei personaggi più in vista della città di Lucca. Stiamo parlando di Paddy, il tenero orsetto protagonista del profilo “unturistaalucca“, che sta letteralmente facendo impazzire il web. Lo vediamo spesso nei posti più belli e suggestivi della cittadina bagnata dal Serchio, magari in bicicletta intorno agli spalti delle Mura o nei vicoli romantici del centro storico, suscitando sempre tanta simpatia e curiosità. Le sue foto sono tra le più cliccate e apprezzate, proprio perché originali e capaci di invocare pensieri morbidi. Noi abbiamo avuto l’opportunità di scambiare qualche parola con il dolce animale di peluche, per conoscere meglio le sue avventure e i suoi sogni.

Paddy, raccontaci qualcosa di te

Intanto, come potete vedere sono un piccolo e dolce orsetto. Fino a poco tempo fa, vivevo in una casa e non uscivo mai. Poi ho trovato un amico umano e sua figlia che sono venuti a vivere con me, da allora non ci siamo più lasciati. Con loro vado in giro per la città e scopro le sue tante bellezze naturali e artistiche. Più di ogni altra cosa mi piace fare le foto, ma adoro altrettanto andare in bicicletta. A Lucca è bellissimo usare la bici, si può fare dovunque ed è una grande fortuna.

Come ti trovi a Lucca?

Benissimo! È una città fantastica, perché dovunque posso ammirare tantissime cose belle. Qui si vive in modo sereno, tranquillo ed è tutto a misura d’orsetto. I lucchesi, che non si dica il contrario, con me sono sempre molto simpatici, cordiali, carini e gentili. Ho trovato molta disponibilità e ne sono felice. Magari sono stato fortunato (ride). Posso dirti che questa città ha tantissimo da offrire a livello artistico e culturale, che non è poco. Poi, trovo che le Mura non siano un simbolo di chiusura, ma anzi di apertura. La gente di questa città mi ha aperto le sue porte e mi ha accolto in modo sublime.

Cosa ti piace di questa città, qual è il luogo che ti ha colpito di più?

Non posso indicarti un luogo in particolare, qui è tutto bello. Però se mi devo sforzare nel cercare qualcosa, io mi emoziono ogni volta che passo attraverso le grandi porte delle Mura rinascimentali, perché mi sembra di entrare dentro la storia, uscendo dal presente per catapultarmi direttamente nel passato. È una grande emozione che mi sconvolge ogni volta. In più se proprio devo indicarti la mia porta preferita, ti dico la bellissima Porta Elisa.

Paddy e i suoi amati portoni

Cosa vuoi raccontare con le tue foto?

Vorrei raccontare gli aspetti belli di questa città, come perdersi nei suoi tanti suggestivi vicoli e ritrovare la strada grazie alle Mura, che fungono da mia personale Stella Polare. Il mio vero intento, però, sarebbe quello di far conoscere a molte più persone questa magnifica cittadina, raccontando la mia storia e le mie vicende. In poche parole, la vita quotidiana di un orsetto curioso. 

Cosa farai in futuro?

Ora che ho trovato i miei amici umani e la loro famiglia non li lascerò più. Presto dovrò andare con loro nella provincia di Napoli, ma spero di tornare a Lucca, un posto che adoro e dove spero di mettere le mie radici. Mi auguro che le cose possano andare per il meglio e di trovare una soluzione che faccia felici tutti, con l’augurio di abitare in modo definitivo in questa splendida e tranquilla cittadina.

Paddy sul Serchio
Paddy scopre le Mura