A colloquio con… Thorwald Jørgensen

Home / Interviste / A colloquio con… Thorwald Jørgensen
A colloquio con… Thorwald Jørgensen

magnifico esecutore nel concerto per theremin e pianoforte organizzato in aprile dalla associazione CLUSTER di musica contemporanea

 

COME È NATA LA PASSIONE PER QUESTO STRUMENTO?

Ho iniziato la mia carriera musicale in giovane età come percussionista! Dopo la mia laurea al
Conservatorio ho suonato in un’orchestra sinfonica, ma non mi piaceva far parte di un’orchestra (come percussionista la maggior parte delle volte basta sedersi e contare).
La cosa mi disturbava così ho iniziato a cercare qualcosa di diverso finché non ho trovato il
theremin.

COME L’HAI SCOPERTO?

Ho conosciuto il theremin attraverso Clara Rockmore ascoltando il suo primo album per theremin e pianoforte registrato insieme a sua sorella , la pianista Nadia Reisenberg. Mi sono innamorato del fraseggio, delle melodie e dell’intensità della musica e solo dopo ho compreso che quello che ascoltavo era un theremin. Ho iniziato a capire che cosa fosse e grazie a You Tube ho scoperto alcune registrazioni dal vivo di Clara Rockmore dove suonava i miei pezzi favoriti. In quel momento mi sono innamorato del theremin e mi sono reso conto che dovevo diventare un thereminista.

COME FUNZIONA UN THEREMIN?

Il theremin è un armadietto pieno di elementi elettronici , inventato nel 1919, con due antenne.
Intorno alle antenne ci sono campi elettromagnetici e agitando le mani davanti all’antenna
si può fare musica muovendo l’aria. L’antenna di sinistra funziona in orizzontale: quando la mano
è piatta sopra di esso lo strumento è muto, quando la mano si alza si forma un suono. Più sollevi la mano, più il suono diventa forte .
L’antenna a destra funziona in senso verticale. Quando hai la mano vicino all’antenna il suono è molto acuto e se si sposta il braccio verso il corpo il suono diventa sempre più basso (in pratica funziona come un filo invisibile!).
Se suonato correttamente il theremin può essere uno degli strumenti più espressivi al mondo!

COME PUÒ ESSERE UTILIZZATO IL THEREMIN?

Ormai , dopo aver suonato il theremin da vari anni , ho scoperto che lo strumento è in effetti molto
versatile e può essere utilizzato per riprodurre trascrizioni di musica scritta per voce, archi o
fiati. Quello che mi dà più soddisfazione è naturalmente quando suono musica originale . Per questo motivo mi è piaciuto il progetto della CLUSTER, dal quale è scaturita molta musica nuova. Inoltre ho iniziato a lavorare come solista in nuove composizioni con l’aiuto di estensioni di suono moderni, come gli effetti a pedale e la loop station , che possono far suonare un theremin come una grande orchestra.

VIENE USATO ANCHE NEL JAZZ?

Sì, anche se non sono uno che suona musica jazz su un theremin, ma ci sono alcuni musicisti che hanno iniziato a farlo. Un buon esempio di theremin-jazz è la thereminista americana Pamelia Kurstin, che imita su un theremin il walking bass, utilizzato spesso nel jazz.

CHE RUOLO HANNO AVUTO LE COLONNE SONORE DEI FILM NELLO SVILUPPO DI QUESTO STRUMENTO?

Il theremin in questi giorni è conosciuto soprattutto come uno strumento utilizzato nelle colonne sonore di film .Ci sono alcune belle partiture di famosi compositori di Hollywood come ad esempio Bernard Herrmann con “The Day The Earth Stood Still, Miklos Rozsa con “Spellbound” (che ha vinto l’Oscar per la migliore colonna sonora nel 1945) e Howard Shore con “Ed Wood” . Un altro famoso compositore che ha usato il theremin nelle colonne sonore di film è Dmitry Shostakovich e precisamente nelle composizioni dal titolo “Odna” e “The Girlfriends”.

E RIGUARDO ALLA MUSICA POP E ROCK?

Molti musicisti di musica pop e rock si sono rivolti al theremin per ottenere effetti speciali. Io stesso ho registrato col theremin diversi album di musica pop. Esempi più famosi di queste registrazioni sono quelle effettuate con il cantante/compositore canadese Sébastien Lafleur. Un aneddoto divertente col suono del theremin riguarda la famosa canzone “Good Vibrations” dei Beach Boys . In realtà i Beach Boys volevano usare il theremin, ma non furono in grado di trovare nessuno che lo suonasse e realizzarono uno stratagemma scivolando le dita sulla chitarra che suonava come un effetto theremin , con la differenza che le mani venivano strusciate sulla chitarra mentre con il theremin non si tocca lo strumento , dato che il suono viene prodotto muovendo l’aria.

QUALE SARÀ IL FUTURO DI QUESTO PARTICOLARE STRUMENTO?

Penso che il theremin abbia di fronte a sé un futuro brillante. E’ l’unico che è stato inventato e non ha rapporti con altri strumenti. Ad esempio il pianoforte deriva dal clavicembalo, il flauto dal flauto traverso, ecc. Il theremin è totalmente originale nel suo modo di essere suonato , ma particolarmente nel suono prodotto. Non dobbiamo dimenticare che il theremin non ha ancora 100 anni. Un’età che per una persona significa essere vecchio, mentre per uno strumento si tratta di un arco di tempo relativamente breve. Stanno venendo fuori nuove tecniche per il suo utilizzo e sempre di più i compositori scrivono ogni genere di musica per theremin.
Famosi compositori come Lera Auerbach e Fazil Say hanno usato il theremin nelle loro musiche per orchestra, non per un effetto sonoro , ma come strumento dell’organico orchestrale. Così il theremin sta facendo continui progressi e troverà il suo posto accanto agli strumenti tradizionali.